italiano / english

Acquaviva delle Fonti:
tra tradizione e innovazione

Acquaviva delle Fonti deve il suo nome alla ricchezza di falde acquifere perenni nel suo sottosuolo. Piccola e vivace cittadina dell'entroterra barese, da sempre il territorio acquavivese ha vissuto in stretto connubio con la sua vocazione strettamente agricola, intrecciandola in un insieme accattivante di tradizioni in cui il vino primitivo ha sempre avuto un posto di rilievo.
Da vero e proprio alimento integrante la semplice dieta di un tempo dei contadini a superbo compagno di prodotti tipici quali la dolcissima Cipolla Rossa di Acquaviva delle Fonti (presidio Slow food) o un buon piatto di ceci neri, antichi e gustosi legumi della zona, il primitivo entra prepotentemente nei proverbi, nelle espressioni e negli usi della popolazione locale: il "pane e mijre" è considerato pranzo da cavaliere e risuona di echi, profumi e sapori mai dimenticati.

Rivalutato da appassionati ed esperti, nell'ultimo decennio il primitivo è uscito dal circuito locale imponendosi come eccellenza a livello europeo e mondiale.

© EMMECIDUE